EuroBasket 2017, le avversarie dell’Italia

Finalmente si riparte. Si riparte da Ettore Messina, uno dei migliori coach in circolazione nonché allenatore in seconda degli Spurs. Si riparte dallo stesso nucleo di top player (Gallinari, Belinelli, Bargnani e capitan Datome) che probabilmente avranno a disposizione l’ultima chance per trascinare la nostra nazionale sul tetto d’Europa. Si riparte dai giovani di belle speranze come Abass, Tonut e Della Valle che si stanno mettendo in mostra nel nostro campionato. Si riparte con in testa un solo obiettivo: vincere.

Nella giornata di martedì sono stati effettuati i sorteggi per i gironi di EuroBasket 2017 che si terrà in Romania, Israele, Turchia e Finlandia dal 31 Agosto al 17 Settembre. L’Italia, estratta dalla seconda fascia, è stata inserita nel girone B assieme a Lituania, Germania, Israele, Georgia e Ucraina. Ad eccezione della Lituania, da sempre nostra bestia nera, il girone non è proibitivo nel complesso,   ma nasconde delle insidie. Conosciamo meglio le future avversarie degli azzurri.

Lituania

Gli attuali vice campioni d’Europa hanno eliminato l’Italia nelle ultime due edizioni europee sempre ai quarti di finale. L’ultimo successo risale alla storica semifinale olimpica di Atene 2004 che portò Basile e compagni a giocarsi l’oro contro l’Argentina. Di certo il talento non manca alla squadra di Kazlauskas: il big man dei Toronto Raptors, Valanciunas, è uno dei centri più completi in Europa, Sabonis (anche lui in NBA) è un letale cecchino da oltre l’arco e Maciulis si è conquistato il Real a suon di canestri. Non bisogna poi dimenticare Kalnietis, leader della sezione baltica e autore sinora di un’ottima stagione con l’Armani Milano.

Germania                                                                                                                                                                     

Dopo la bruciante eliminazione ai gironi di Euro 2015 (in casa per giunta), in Germania si respira aria di rivalsa. Nowitzi ha detto addio alla nazionale, lasciandola tuttavia in buone mani. La pesante eredità di Wunderdirk infatti è stata raccolta da Schroder, play degli Atlanta Hawks, che sarà il faro della nazionale tedesca almeno per i prossimi 10 anni. Squadra fisica con ottimi elementi sotto canestro come Pleiss e Voigtmann, senza contare tiratori del calibro di Benzing e Zipser, neo giocatore dei Chicago Bulls. Cosi come nel calcio, anche nel basket Italia-Germania rievoca piacevoli ricordi per gli azzurri; per non dimenticare: “Danilo step back, Danilo step baaaaack!!!!”.

Israele                                                                                                                                                                           

 Il fattore campo rappresenterà sicuramente un vantaggio per la squadra padrone di casa. Il caldissimo tifo di Tel Aviv sarà uno dei principali avversari per le nazionali che affronteranno Israele. Coach Edelstein può contare sul talento di un nucleo giovane che ha in Casspi, la sua punta di diamante. Oltre alla guardia dei Sacramento Kings, il roster offre anche interessanti individualità come Mekel e Ohayon che si stanno facendo le ossa in Eurolega con la maglia del Maccabi.

Georgia                                                                                                                                                                          

Non rappresenta un ostacolo insormontabile per gli azzurri, ma guai a sottovalutare una squadra capace di approdare agli ottavi di finale nell’ultimo europeo. La Georgia ha sempre puntato su giocatori naturalizzati: Haynes nel 2011, Hickman nel 2013 e Pullen nel 2015. Bisogna solo vedere chi verrà convocato per la prossima rassegna continentale. La stella è Pachulia, centro titolare dei Golden State Warriors, ma attenzione anche ai vari Markoshvili, Sanikidze e Shermadini che hanno militato recentemente nel nostro campionato.

 

Ucraina                                                                                                                                                                         

Nonostante sembri destinata ad essere la squadra “cuscinetto” del girone, l’Ucraina rievoca brutti ricordi all’Italia: ad Eurobasket 2013 la nazionale di Pianigiani venne sconfitta dagli uomini di coach Fratello in una sfida chiave per la qualificazione ai mondiali. Il roster è giovane e ben assortito, anche se povero di qualità; gli unici giocatori da tener d’occhio sono Jeter, trascinatore della nazionale ucraina nel 2013, e Fesenko, attuale centro della Sidigas Avellino.